"Ma le stelle quante sono" e altri libri di Giulia Carcasi





“Ma le stelle quante sono”





TRAMA


C'è una generazione fatta di sms, gavettoni, crèpes alla nutella, professori frustrati; c'è la voglia di essere ascoltati e di giudicare la vita, gli adulti, l'ingiustizia. Ci sono Carlo e Alice: stessa classe e, a volte, stesso banco. Lui è meravigliosamente imbranato, senza modelli da incarnare, senza maschere. Lei si sente diversa, non omologata, è uno spirito critico e, al contempo, una sognatrice. Il loro cuore è ancora poco addestrato, bravissimo a sbagliare. E così Alice casca tra le braccia di Giorgio, nascosto e intrigante. Carlo si lascia sedurre da Ludovica, la classica ragazza facile che sa il fatto suo. Diciotto anni. Due ragazzi si affacciano su un mondo adulto che capiscono poco, tanto più se la scuola, la famiglia e gli amici si mettono di mezzo... Ma le stelle quante sono è un romanzo senza peli sulla lingua, schietto, diretto, una freccia che va dritta al bersaglio. Una partita di ping-pong sentimentale. Con una bella ventata di romanticismo. Un libro a due facce. A due sessi. A due voci. Per un amore solo.


Eccovi il link






Cliccate sul link di seguito. Nella pagina che si aprirà dovrete aspettare 5 secondi
e poi cliccare  in alto a destra.

Vi si aprirà una pagina in cui dovrete ripetere questa operazione, 
cioè aspettare 5 secondi

e poi cliccare   in alto a destra.

Dopodiché sarete arrivati nella pagina dove c'è il vostro pdf.






“Tutto torna”




TRAMA



Diego lavora alla revisione di un vocabolario. Nei barattoli delle parole chiude tutto quello che riesce a definire. È pratica che gli viene naturale anche nella vita. Cataloga ogni istante: luogo data ora. In uno dei suoi continui spostamenti tra Roma e Pisa, dove insegna, il treno si ferma in galleria per un guasto, le luci si spengono. Nel buio Diego sviene. Una voce arriva lontanissima a tirarlo fuori dalla vaghezza: Antonia. Ieri diventa oggi e domani ieri, l'ordine e la memoria di Diego si allentano. È come se Antonia ci fosse sempre stata eppure non c'era. La loro è una storia d'amore che vuole la perfezione. Più sono vicini, più forte è il rischio che il cerchio si spezzi. Basta una menzogna. Contro ogni logica, l'inganno si rivela più forte della verità e la verità più forte dell'inganno.




Eccovi il link. 

Cliccate sul link di seguito. Nella pagina che si aprirà dovrete aspettare 5 secondi
e poi cliccare  in alto a destra.

Vi si aprirà una pagina in cui dovrete ripetere questa operazione, 
cioè aspettare 5 secondi

e poi cliccare   in alto a destra.

Dopodiché sarete arrivati nella pagina dove c'è il vostro pdf.







“Io sono di legno”


TRAMA

Una madre e una figlia. La figlia tiene un diario e la madre lo legge. Alla storia di anaffettività, di sentimenti negati o traditi della giovane Mia, Giulia risponde con la propria storia segnata da quell'"essere di legno" che sembra la malattia, il tormento di entrambe. È come se madre e figlia si scrutassero da lontano, o si spiassero, immobilizzate da una troppo severa autocoscienza. Bisogna tornare indietro. E Giulia lo fa. Torna a riflettere sulla giovinezza ferita dall'egoismo e dalla prepotenza di una sorella falsamente perbenista, sul culto delle apparenze della madre e sul conforto che le viene da una giovane monaca peruviana, Sofia. Torna a rivivere i primi passi da medico, fra corsie e sale operatorie, il matrimonio con un primario, la lunga attesa di una maternità sofferta e desiderata. Più la storia di Giulia si snoda nel buio del passato, più affiorano misteri che chiedono di essere sciolti. E il legno si ammorbidisce. Ma per madre e figlia l'incontro può solo avvenire a costo di pagare il prezzo di una verità difficile, fuori da ogni finzione.


Eccovi il link.

Cliccate sul link di seguito. Nella pagina che si aprirà dovrete aspettare 5 secondi
e poi cliccare  in alto a destra.

Vi si aprirà una pagina in cui dovrete ripetere questa operazione, 
cioè aspettare 5 secondi

e poi cliccare   in alto a destra.

Dopodiché sarete arrivati nella pagina dove c'è il vostro pdf.












Nessun commento:

Posta un commento